La Biblioteca della Scuola- Un giorno in fattoria

4

Oggi all’asilo di Pupa è stata inaugurata una bella iniziativa di cui ci avevano parlato già qualche mese fa nel corso dell’ultima riunione e cioè la “Biblioteca della Scuola” ha finalmente preso vita.

In cosa consiste?

Nel corso della settimana i bambini, accompagnati dalle maestre, frequenteranno la biblioteca e avranno la possibilità di consultare più libri che le maestre, durante gli ultimi mesi, hanno catalogato ed etichettato e il venerdì ne sceglieranno uno da portare a casa e da leggere e sfogliare insieme ai genitori.

Nel corso del week end le famiglie avranno il compito di doversi impegnare a dedicare un po’ di tempo alla lettura insieme ai propri figli.

La nota che accompagna l’inizio di questa attività dice che il progetto nasce con la duplice finalità di far avvicinare i bambini alla lettura ma anche di responsabilizzarli perché, oltre a dover trattare bene il libro che porteranno a casa, dovranno impegnarsi nel ricordarsi di riportarlo a scuola il lunedì successivo.

Dal canto loro le educatrici si sono adoperate molto per questo progetto perché oltre all’etichettatura e catalogatura di cui detto poco fa, hanno realizzato anche delle simpatiche borsine per il trasporto.
e hanno preparato dei tesserini per il prestito (nei tesserini oltre ad essere indicato il nome del bambino c’è il titolo del libro, la data di consegna e la data in cui dovrà essere riconsegnato).

Pupa questa settimana ha scelto un libro molto semplice, che denota il suo amore per gli animali
Credo sia un bellissimo progetto che spero continui anche l’anno prossimo (visto che ormai manca poco più di un mese alla fine dell’anno scolastico) e mi auguro che l’entusiasmo di oggi nel portare a casa il libro resti vivo in loro anche nelle settimane successive!

“Signori bambini, se fossi in voi la prima cosa che chiederei alla maestra entrando in classe al mattino sarebbe: ” Maestra, per favore raccontami una storia”, non c’è modo migliore per cominciare una giornata di lavoro.
E altermine della giornata, quando viene sera, l’ultima piccola cosa che chiederei all’adulto che mi sta accanto sarebbe: “Per favore, raccontami una storia”.a notte.
Piu avanti , quando sarete grandi, le leggerete ad altri bambini quelle storie.

Da che mondo è mondo e da che i bambini crescono, tutte queste storie scritte e lette hanno un nome molto bello: Letteratura”-
(D.Pennac, “Come un romanzo”)

Discussion4 commenti

Reply To Laura Cancel Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.