Cambiano le “linee guida”in fatto di svezzamento

1

Quando è arrivato il momento d’iniziare lo svezzamento di Pupa il pediatra mi ha consegnato un foglio sul quale ho trovato delle indicazioni per dare il via a questa fase della vita di mia figlia in base a quello che era il suo pensiero in materia.

Svezzamento-sei-mesiNon si trattava di regole ferree bensì di indicazioni, suggerimenti sulla base della sua esperienza.

Una cosa che mi ha colpito molto e che mi ha differenziato rispetto alle altre mie amiche mamme è stato lo scarso utilizzo degli omogeneizzati. Ricordo che il pediatra mi disse: “io non sono favorevole all’uso degli omogeneizzati per cui se lei deciderà di utilizzarli non me lo faccia sapere”.

Io in realtà non ho nemmeno dovuto mentire perché Pupa quasi non sa cosa siano.

Io in quel periodo ero a casa in maternità e quindi non è stato per me un grosso problema perché avevo più tempo da dedicare alla preparazione del cibo per Pupa, e cosa non meno importante amo cucinare!

Ma è anche vero che a volte ci vuole veramente così poco per riuscire a dare ai nostri figli un alimento un po’ più “casalingo”.  Ad essere sincera stavo per scrivere genuino ma la realtà è che quello che mi sono sentita spesso dire dalle altre mamme era più che altro legato al rischio di poca “sterilità” degli alimenti, non tanto al fatto che gli omogeneizzati fossero più o meno genuini.

A posteriori devo dire che sono stata contenta di aver ascoltato il pediatra perché procedere in questo modo mi ha evitato il successivo problema legato all’inserimento dei cibi solidi perché dal momento che spettava a me tritare tutti gli alimenti, Pupa si è sforzata di masticare gli alimenti tritati fini fini e non si è abituata a mangiare solo cibi liquidi.

Io credo che lo svezzamento sia la prima fase importante della vita di un bimbo e altrettanto importante è il fatto che il momento dei pasti sia vissuto in tranquillità e a tavola insieme al resto della famiglia.

Io ho abituato Pupa a mangiare con noi e se devo essere sincera lei non si è mai opposta, anzi, al contrario mi sono resa conto che adesso che va all’asilo quando le capita di fare colazione da sola (del resto al mattino il tempo è tiranno!) un po’ ne risente e di questo non posso che esserne contenta, forse sono riuscita a trasmetterle l’importanza dello stare insieme a tavola.

Per le nuove regole relative allo svezzamento vi rimando al seguente link:  Svezzamento e prevenzione

Discussion1 commento

  1. Il mio pediatra invece, era dell’idea che gli omogeneizzati erano cibi più controllati e quindi mi ha quasi costretto, a darglieli. A me sinceramente, non piace neanche l’odore. Penso che tu abbia fatto benissimo a preparare tutto tu, anche perchè i bambini conoscono tutti si sapori. Buona giornata.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.